logo

ASSOCIAZIONE PER LA LOTTA ALL’ ICTUS CEREBRALE
A.L.I.CE. - ONLUS


News

pezzo news

Newsletter


I tuoi dati saranno trattati secondo il Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali. Privacy

Alice Social

Partner

part part

ictus

F.A.Q.

 

Che cosa sono le Stroke Units?

Le Stroke Units sono reparti o unità specializzate inseriti nell'ambito di una struttura ospedaliera, che si occupano esclusivamente del trattamento dei pazienti colpiti da lesioni cerebrali. A seconda della fase dell'ictus possiamo avere le Stroke Unite Dedicate per il trattamento di pazienti in fase acuta e le Unità miste di tipo riabilitativo per il trattamento delle disabilità conseguenti all'ictus.

 

Dopo un ictus cerebrale quali sono le possibilità di ripresa del paziente?

La sopravvivenza dei pazienti colpiti da ictus è di circa l'85% a 30 giorni dall'esordio e sembra essere maggiore nei soggetti più anziani. Le possibilità di ripresa dipendono da diversi fattori, primo tra tutti l'entità del danno cerebrale, la tempestività del trattamento post-ictus e l'eventuale trattamento riabilitativo delle paralisi residuate (fisioterapia, logopedia etc.).

 

Si può prevenire l'ictus?

L'ictus cerebrale si può prevenire controllando i fattori di rischio, adottando uno stile di vita sano, riducendo i chili in eccesso, seguendo una dieta equilibrata, facendo attenzione ai grassi alimentari, all'alcool e al sale, evitando stress prolungati, rinunciando al fumo e sottoponendosi a periodici esami di routine (controllo della pressione arteriosa, del colesterolo, della glicemia etc.) e a controlli clinici e strumentali (elettrocardiogramma etc.) soprattutto per i soggetti con familiarità.

 

Quali sono i fattori di rischio dell'ictus cerebrale?

Il primo fattore di rischio è ovviamente rappresentato da un pregresso TIA (Attacco Ischemico Transitorio) o altre malattie di tipo ischemico (infarto miocardio etc.). Fattori predisponenti sono rappresentati dall'ipertensione arteriosa, dalle alterazioni del ritmo cardiaco (fibrillazione atriale), dalla familiarità, l'ipercolesterolemia, lo stress, il fumo, il diabete, l'obesità, l'attività sedentaria e tutti quei fattori che contribuiscono a determinare alterazioni, restringimento o indebolimento delle pareti dei vasi arteriosi.

 

Che cosa si intende per TIA?

Con la sigla TIA (Transient Ischemic Attack) si intende un'ischemia transitoria cerebrale, i cui sintomi si risolvono entro 24 ore. E' importante riconoscere un TIA, in quanto rappresenta un campanello d'allarme di manifestazioni più gravi quali l'ictus cerebrale, che in tal caso può essere spesso prevenuto.

(c.c. - Redazione Ministerosalute.it - maggio 2002)